In collaborazione con lo Studio VM Partners Dottori Commercialisti e Consulenti del Lavoro Associati pubblichiamo la seguente notizia:

Il DL 8 aprile 2020 sostituisce integralmente la disposizione, contenuta nel DL 26 ottobre 2019 n. 124, la quale prevedeva che il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche potesse essere effettuato con periodicità semestrale nel caso in cui gli importi dovuti non avessero superato il limite annuo di 1.000 euro. 

La nuova norma cambia i termini di versamento e fissa a 250 euro il limite per il pagamento semestrale.

Infatti l’’introduzione della nuova norma, consente di rimandare il versamento dell’imposta relativa al primo trimestre solare (gennaio, febbraio, marzo) dal 20 aprile – scadenza naturale – al 20 luglio, termine relativo al secondo trimestre dell’anno di riferimento, qualora l’ammontare dell’imposta da versare sia inferiore a 250 euro. Nel caso in cui al 30 giugno, l’importo dell’imposta di bollo dovuta complessivamente per i primi due trimestri non raggiunga ancora la soglia di 250 euro, il relativo versamento potrà essere ulteriormente differito al 20 ottobre (scadenza relativa al terzo trimestre).

Periodo di riferimento

Requisiti

Scadenza differita

I trimestre

Inferiore a euro 250

Versamento I trim. da effettuarsi entro il 20/07/2020

Somma I e II trimestre

Superiore a euro 250

 

 

 

I trimestre

Inferiore a euro 250

Versamento I e II trim. da effettuarsi entro il 20/10/2020

Somma I e II trimestre

Inferiore a euro 250

Restano ferme le ordinarie scadenze per i versamenti dell’imposta di bollo dovuta per le fatture elettroniche emesse nel terzo e quarto trimestre solare dell’anno.

7 + 12 =